Skip to content
Telefono - Phone: 06 557 7822
Biostimolazione Cuoio Capelluto

La biostimolazione del cuoio capelluto è un trattamento estetico con l’obiettivo di rigenerare lo scalpo, rafforzare i capelli e migliorarne lo stato di salute.

Per raggiungere questo obiettivo sono state sviluppate diverse tecniche, che seguono strumentazioni e protocolli differenti.

Analizziamo insieme i casi principali.

 

Cosa si intende per biostimolazione del cuoio capelluto

Prendersi cura del proprio cuoio capelluto è il primo modo per scongiurare possibili problemi come la caduta dei capelli.

Se è vero che anche in caso di calvizie è possibile agire, pensiamo per esempio alla tricopigmentazione con effetto rasato, promuovere la salute dello scalpo può prevenire il problema alla base.

Biostimolare il cuoio capelluto significa agire a livello delle cellule che ne costituiscono gli strati fondamentali. Avere un numero superiore di cellule, generalmente più sane e ben nutrite, in un ambiente rigenerato, rafforza lo scalpo, genera capelli nuovi e più forti, dandoci un aspetto più giovanile.

Tra le principali terapie per biostimolare il cuoio capelluto ci sono la terapia laser, l’uso di PRP e la mesoterapia.

 

Terapia laser e biostimolazione

Una delle prime tecnologie per biostimolare il cuoio capelluto è quella basata su terapia laser. SI tratta di un metodo che, tramite onde di luce, nutre e rafforza i follicoli piliferi, stimolando contestualmente il flusso sanguigno.

Tra i principali benefici di questa biostimolazione ci sono il rallentamento del processo di caduta di capelli, il rafforzamento del cuoio capelluto e l’assenza di effetti collaterali.

 

Trattamento PRP

Il PRP, acronimo inglese di “Platelet Rich Plasma”, è un concentrato di piastrine e fattori di crescita semplice, naturale e senza rischi.

Per biostimolare il cuoio capelluto con il PRP sono previste delle infiltrazioni cutanee che seguono l’ottenimento della soluzione. Questa si ricava andando a centrifugare un determinato volume di sangue prelevato dal paziente e poi separato dai globuli rossi.

Il processo non comporta generalmente particolare dolore.

Uno dei vantaggi del PRP è l’assenza di reazioni allergiche in quanto la soluzione che viene iniettata nel proprio corpo è completamente riconosciuta.

Tramite trattamento PRP, è possibile migliorare lo stato generale del cuoio capelluto e promuovere la crescita di nuovi capelli.

E’ bene considerare che il PRP non è raccomandato a chi soffre di problemi di sanguinamento, patologie cutanee e pazienti in cura con cortisone.

Rari sono invece gli effetti collaterali come infezioni e danni ai tessuti.

 

Mesoterapia

Con il termine “mesoterapia” si intende un trattamento di biostimolazione del cuoio capelluto che avviene attraverso delle iniezioni di nutrienti per lo scalpo. Tra questi ci sono vitamine, minerali e, come sostiene il Dr. Rahal, sostanze che inibiscono il DHT, ovvero l’ormone principale che porta alla caduta dei capelli.

La tecnica è non invasiva e non dolorosa e consente di raggiungere risultati di miglioramento effettivi con anche poche sessioni.

I risultati ottenibili con una biostimolazione attraverso mesoterapia sono:

  • Rafforzamento dei follicoli
  • Riduzione del fenomeno di caduta dei capelli
  • Rigenerazione completa dello scalpo

Prima di sottoporsi a mesoterapia è importante sapere che è controindicata nei seguenti casi:

  • Donne incinte o in fase di allattamento
  • Presenza di infiammazioni cutanee o malattie autoimmuni
  • Patologie al sistema immunitario
  • Patologie oncologiche in corso